Come creare un pool di archiviazione RAIDZ2 ZFS su FreeNAS

how create zfs raidz2 storage pool freenas

Stai costruendo un server FreeNAS? Quindi utilizzare RAIDZ2 per creare il pool di archiviazione per fornire una migliore ridondanza con un buon equilibrio delle prestazioni. Ecco come.



Su FreeNAS, quando si configurano i dischi rigidi per l'archiviazione dei file, è necessario creare un pool, che è un gruppo logico di unità fisiche che è quindi possibile utilizzare per creare volumi (vdevs) utilizzando ZFS. Tuttavia, prima di creare un pool di archiviazione, è necessario decidere il livello di ridondanza. FreeNAS usa ZFS, che è un robusto file system che offre molti livelli di ridondanza, tra cui RAIDZ1, RAIDZ2, RAIDZ3, Stripe e Mirror.



Sebbene sia possibile utilizzare uno qualsiasi dei livelli di ridondanza, RAIDZ2 è forse l'opzione migliore quando si configura un sistema di archiviazione di rete domestico o d'ufficio. Il RAIDZ2 richiede almeno quattro unità e, nonostante la memoria utilizzabile venga ridotta del numero di due unità, è possibile avere fino a due guasti alle unità senza perdere i file.

In confronto, Banda richiede almeno un'unità ed è più adatto per le prestazioni, ma se perdi una delle unità, perderai tutti i tuoi dati. Specchio richiede almeno due unità, e qualunque cosa tu copi su una delle unità, si replicherà automaticamente sulla seconda unità, che perdere una delle unità non causerà la perdita di dati.



Il RAIDZ1 richiede almeno tre unità, ma se perdi una seconda unità durante la ricostruzione o mentre ordini una sostituzione, perderai tutti i tuoi dati. Finalmente, raidz3 richiede almeno cinque dischi ed è simile a RAIDZ2, con l'eccezione che fino a tre dischi possono non riuscire prima di perdere i dati.

In questo guida, imparerai i passaggi per creare un pool di archiviazione RAIDZ2 per garantire ridondanza e bilanciamento delle prestazioni del tuo server FreeNAS (versione 11.2 e successive).

Come creare un pool di archiviazione RAIDZ2 usando FreeNAS

Per creare un pool RAIDZ2 su FreeNAS, attenersi alla seguente procedura:



  1. Aperto FreeNAS.

  2. Accedi all'account di root.

  3. Clicca su Conservazione dal riquadro sinistro.

  4. Clicca su piscine.

  5. Nella sezione 'Pool', fai clic su Inserisci pulsante.

    FreeNAS, Pools add option

    FreeNAS, Pools aggiungi opzione
  6. Seleziona il Crea un nuovo pool opzione.

  7. Clicca il Crea pool pulsante.

    FreeNAS, create pool option

    FreeNAS, crea l'opzione pool
  8. Digitare un nome per il nuovo pool di archiviazione, ad esempio, StorageCollection1.

  9. (Opzionale) Controllare il crittografia opzione.

    Nota veloce: La crittografia non è necessaria, ma è consigliata, quindi non devi preoccuparti dei tuoi dati quando devi inviare un'unità guasta per la riparazione o il ripristino.
  10. Controlla il Confermare opzione.

  11. Clicca il Capisco pulsante.

  12. Nella sezione 'Dischi disponibili', selezionare le unità che parteciperanno al pool di archiviazione. (Per creare una configurazione RAIDZ2 sono necessarie almeno quattro unità.)

  13. Clicca il Destra pulsante freccia per aggiungere le unità alla sezione 'Data VDevs'.

    FreeNAS, Pool Manager settings

    FreeNAS, impostazioni Pool Manager
  14. Nella colonna 'Data VDevs', utilizzare il menu a discesa e selezionare il Raid-Z2 opzione per creare un lotto di memoria.

    FreeNAS, RAIDZ2 option
    Opzione FreeNAS, RAIDZ2
    Nota veloce: Quando si utilizza una configurazione RAID-z2, la parità raddoppia simile a una configurazione RAID6, il che significa che l'array di dischi può perdere fino a due unità senza perdere i dati.
  15. Clicca il Creare pulsante.

  16. Clicca il Confermare opzione.

  17. Clicca il Crea pool pulsante.

    FreeNAS, create RAIDZ2 confirmation

    FreeNAS, crea la conferma RAIDZ2
  18. Clicca il Scarica la chiave di ripristino pulsante se è stata selezionata l'opzione 'Crittografia', quindi l'opzione Fatto pulsante una volta salvata la chiave del file.

Una volta completati i passaggi, verrà creato il pool RAIDZ2 di FreeNAS e ora è possibile procedere con creare un set di dati che ospiterà le cartelle che si desidera condividere nella rete.